Notizie dalla Regione

14/10/2016 - Giulio Felicetti, classe ’57, originario di Conselice, Dottore Agronomo, da ottobre 2016 è il Direttore di Cia Emilia Romagna. Succede a Vincenzo Amadori ora in Cia nazionale dove si occupa del settore del credito. Felicetti per alcuni anni è stato anche direttore della Cia provinciale di Ravenna (dal 200 al 2003). Tre le questioni agricole urgenti mette in evidenza: "ricambio generazionale, quindi più attenzione ai giovani nel Psr, recupero di redditività delle imprese e più equilibrio tra esigenze produttive e presenza di fauna selvatica".

Un percorso professionale, quello di Felicetti, maturato all’interno della Confederazione: prima da tecnico, poi direttore della Confederazione provinciale ravennate (dal 2000 al 2003) fino a ricoprire a Roma per oltre 10 anni (fino a settembre 2016) l’incarico di direttore di Agricoltura è Vita, Associazione specializzata nella progettazione, realizzazione dell’impianto di formazione continua per i circa 3000 dipendenti della Cia nazionale.

«Sono tre le questioni agricole urgenti - sottolinea Felicetti - Innanzitutto la caduta dei prezzi agricoli alla produzione e la conseguente crisi di redditività delle imprese, unitamente alla sottovalutazione del ruolo degli agricoltori ai quali spesso viene riconosciuta  la sola funzione di ‘produttori di cibo’ tralasciando il loro fondamentale ruolo nel presidio del territorio e della biodiversità». Sul tema della invasività della fauna, il neo direttore dice che «va ricercato un equilibrio sostenibile ed equo tra le esigenze di tutela insite nella pratica agricola e la convivenza con la fauna selvatica».

Riguardo al Piano di  Sviluppo Rurale, infine, Felicetti «auspica l’avvio di un atteso processo di semplificazione e snellimento delle procedure, un rapido sblocco dei bandi sulla ricerca  e innovazione, l’adeguamento della dotazione finanziaria alle esigenze ed al ruolo strategico che riveste il settore agricolo nella nostra regione con un occhio di riguardo per il ricambio generazionale, ovvero mantenere le risorse destinate ai primi insediamenti equilibrandole con quelle destinate ai piani di sviluppo aziendale, attribuendo un maggior ‘valore’  all’essere giovane agricoltore in termini di punteggio».

Giovedì 3 novembre il direttore regionale Giulio Felicetti - accompagnato da Danilo Misirocchi, Stefano Francia e Fabrizio Rusticali (rispettivamente presidente, vice presidente e direttore della Cia provinciale) - visiterà le principali sedi territoriali di Cia Ravenna.

Intranet

consulta la Guida per una spesa a filiera corta!
Joomla templates by Joomlashine